12.29.2013

Kokochu

  
These are some new character studies for the friend and shaman of Gengis Khan.

At first I thought to make an old shaman...
And then I started to think about a more young shaman, less or more the age of Gengis Khan.
This is the last one I made of him.
It's him during one of his visions.

                                                          

Hope you like!
Marta.

12.25.2013

Merry Christmas to you!

I made this little drawing to wish you all a Merry Christmas and a Happy New Year,
thank you for supporting me, you guys are the best! : )

See you in the next year!


Marta.

12.11.2013

Updates! 11/12/13

Ciao!
Aggiorniamo il blog-portfolio con altri scarabocchi!

La prima cosa che voglio presentarvi è un'illustrazione che ho realizzato per il Semeris development Contest.
Il contest consisteva nel scegliere e illustrare seguendo solamente la propria fantasia, una o più creature da una lista che Semeris aveva messo a disposizione dei partecipanti.
Indicavano solo i nomi delle creature e nessuna indicazione o preferenza per quanto riguarda l'aspetto, quindi si era liberi di creare senza limiti.
La creatura che scelsi io si chiama "Maschera Vivente".
L'idea che ho portato avanti tratta una pluralità di individui fusi nello stesso corpo.
Volevo ci fossero diverse maschere con diversi e specifici "poteri", e che i singoli se le contendessero fra loro, di volta in volta.
La creatura sembra essere uscita da un esperimento genetico, o da radiazioni, nonostante questo ho cercato di restare piuttosto classica nella scelta degli "accessori", poichè il Semeris team richiese un'ambientazione medievale-fantasy.
Ogni maschera ha caratteristiche che ritrovereste nelle varie culture tribali, o nel contesto teatrale, nel mondo. Alcune sono di ispirazione africana, mentre a destra, in basso, potete notarne una giapponese.

 E quindi ecco "Maschera Vivente", realizzata a tecnica mista.

Maschera Vivente for Semeris Contest.

I prossimi che inserisco sono sketch di mongoli(ma dai, che novità!), che hanno totalmente rapito la mia testa e mi ritrovo a disegnarli ogni volta che ho tempo.










Infine includo due ritratti presi da foto, fatti perchè quando mi rendo conto che conosco tante belle ragazze, mi sale la voglia di provare a disegnarle.

                                                   

Per ora è tutto! Alla prossima!
Marta.

11.13.2013

WOLFGANG REITHERMAN - "Nine Old Men Post"



 -Walt Disney's Nine Old Men-

conosciamo

Wolfgang Reitherman


Un pò di biografia:

Wolfgang Reitherman nacque a Monaco di Baviera, in Germania, il 26 giugno 1909.
Arrivò in America che era ancora un infante e fu cresciuto in Sierra Madre, in California.
Con l'intenzione di essere un ingegnere aeronautico, frequentò il Pasadena Junior College e prese lavoro da Douglas Aircraft.
Nel 1931 si iscrisse al Chouinard Art Institute per studiare acquerello.
Tramite collegamenti, scoprì il mondo dell'animazione ed entrò nei Walt Disney Studios nel 1933.
Woolie ha animato più di 300 corti e molti film, diventando particolarmente apprezzato per la sua abilità con scene d'azione e di commedia.
Durante la Seconda Guerra Mondiale lasciò lo studio  per servire brevemente come Ace Pilot.
Woolie diventò il primo animatore a dirigere un intero film animato, iniziando con La Spada nella Roccia nel 1963.
Dopo circa 50 anni con lo Studio, Woolie si ritirò nel 1981, e morì il 22 maggio 1985, a Burbank, California.

Un pò di disegni da ammirare:

Dicono di lui:

"Era un uomo di vasta azione: poteva essere suspence o comicità.
Questa è sempre stata la sua natura e ha sempre dato il meglio di sè per ottenere il massimo divertimento ed effetto nelle sequenze.
Woolie non era molto bravo a sottigliezze e calore ma ha sicuramente sempre capito e interpretato i personaggi che stava animando e le tecniche del grande cinema.
Rispetto agli altri animatori, pensava più in termini di cinematografia e per questo le sue scene mostrano grandi inquadrature e tagli.
Woolie ha ottenuto tutto questo dal lavoro duro, costante e dalla frequente rielaborazione che ha fatto sui suoi disegni."
(Preso da: 50 Most Influential Disney Animators)


Don Hahn dice di lui:
"Wolfgang "Woolie" Reitherman era perennemente vestito con camicie hawaiane, "puzzava" di fiducia che aveva conquistato negli anni come pilota nella seconda guerra mondiale, dove volò in Africa, India, Cina, e Sud del Pacifico e dove si guadagnò la "Distinguished Flying Cross", una medaglia al valore per tutti quelli che si sono distinti in un'operazione per "eroismo o risultati straordinari durante la partecipazione ad un volo aereo, successivamente all'11 novembre 1918".
Woolie entrò nella Disney nel 1933.
Le sue animazioni -La battaglia fra dinosauri in Fantasia, Monstro la balena in Pinocchio, e la lotta tra Principe Filippo e il drago nella Bella Addormentata nel Bosco- riflettono il modo in cui viveva la sua vita: vigorosa, piena di vitalità, energia, e qualità.
Emerse presto come leader naturale, tanto che Walt Disney gli lasciò le chiavi del dipartimento di animazione nella metà degli anni sessanta, mentre le attenzioni di Walt volgevano verso Disneyland, la televisione, e i live-action film.
Dopo la morte di Walt nel 1966, Woolie diventò la forza galvanizzante del team di animazione durante un periodo molto destabilizzante.
Ho lavorato a stretto contatto con lui come assistant director.
Il giorno in cui lo incontrai, mi strinse la mano con una presa che mi ha dislocato il mio anulare.
Se John Wayne e Robert Mitchum avessero avuto un figlio, quello sarebbe Woolie.
Quando parlava, aveva l'abitudine di masticare un sigaro spento, finchè la fine di esso arrivava ad essere orribilmente fradicia; a quel punto raggiungeva il suo cassetto, tirava fuori un paio di forbici macchiate, ne tagliava il pezzo finale, e continuava a masticare, tutto senza mancare una parola.
Raccontava di pilotare un Grumman F6F Hellcat durante un bombardamento.
Io parlavo della mia nuova Volkswagen Beetle.
Confrontavamo i nostri film preferiti.
Il suo era "The Guns of Navarone", il mio era "Chitty Chitty Bang Bang".
Ho avuto il lavoro, ma sapevo che questo tizio avrebbe per sempre influenzato la mia vita. Woolie non era un animatore novellino, nemmeno un vignettista; era un regista che disegnava direttamente prendendo spunto dalla sua esperienza di vita.
Era un creativo come Walt Disney, e sapevo che avrei voluto essere come lui un giorno."

Quello che io penso di lui:

Si, lo so che avete letto almeno una decina di volte la parola "azione", perciò non descriverò ancora lo stile di Reitherman.
Come il primo post su Les Clark, mi limiterò a scrivere quelle che sono state le mie impressioni guardando il suo lavoro.
Da piccolini, vi ricordate di aver mai visto "Pinocchio"?
I miei genitori mi hanno sempre detto che lo guardavo in continuazione. Ogni sera.
(Pensate che rottura di scatole avermi come figlia!)
La scena della balena che inghiotte Geppetto e Pinocchio ve la ricordate?
La balena era spaventosa:
 Mentre assistevi a quella scena dovevi trattenere il fiato, perchè eri talmente preso/a da quello che stava succedendo, e dalla forza terribile che esprimeva quell'animale, da dimenticare per qualche secondo la realtà circostante.
Se anche a voi è successo di vivere qualcosa di simile, è garanzia che la passione di questo animatore non sono solo elogi detti da appassionati del settore. : )

Le reference per questo post:

I flipbooks dedicati ai Nine Old Men, che potete trovare su Amazon cliccando su questo link.
Wikipedia per la "Distinguished Flying Cross".
L'articolo dedicatogli sul sito 50 Most Influential Disney Animators.
Google Immagini.


Al prossimo appuntamento! : )
Marta.

10.09.2013

Adult Gengis & Greedy Flower's Contest.

Come avete letto nel titolo, metto alcuni scarabocchi che ho fatto di recente(principalmente sul popolo mongolo, in questo periodo sono totalmente immersa in Gengis Khan e nella ricerca.), e soprattutto l'illustrazione per il concorso di Greedy Flower.

Ma parliamo un pò di "Greedy Flower"!
Cos'è?
Iniziamo col dire che è un webcomic creato dalla spumeggiante Alessandra Patanè (Alyah);
Di che parla?
Tratta delle avventure di Keo, un bimbo dall'aspetto e dai poteri alquanto strani e misteriosi che ha perennemente Fame. Ma non "fame da panini alla mortadella", fame di ANIME!
Si porta sempre dietro un mazzo di fiori, che all'occorrenza sa trasformare in demoni veraci.
Ma non ricorda nulla del suo passato. 
Del motivo dietro la sua insaziabile fame che lo spinge a cibarsi di persone.
Da quanto è così? Lo è sempre stato?
Il mondo di Greedy Flower è costellato da varie creature misteriose e personaggi particolari, se volete sapere come proseguirà l'avventura di Keo, non vi resta che dare un occhiata proprio QUA! : )

Ps: Lo trovate anche su Facebook!

Per il contest indetto da Alessandra ho realizzato questa illustrazione a matita:
Ritrae Keo(Di cui vi ho parlato prima), sdraiato, Moo, la ragazzina dai capelli lunghi, Bastet il gatto nero e Jeko, un'altro dei personaggi principali di questa serie, rimasto intrappolato nei rami.
L'idea su cui ho lavorato è molto semplice.
Ho immaginato che i fiori demoniaci di Keo si sviluppassero a tal punto da diventare resistenti rami, in grado di sostenere sè stesso, Moo, che ne è immune, e attorcigliare Jeko(Che non sembra molto contento della cosa..)!
Quindi i rami diventano anche la cornice stessa del disegno.
Volevo che tutto rimanesse molto semplice e classico. Realizzandolo mi sono resa conto dell'influenza che ha avuto Arthur Rackham con le sue illustrazioni evocative, specialmente in quelle dove i personaggi sono immersi nella natura, con alberi dai rami nodosi, dalle mille trame.
Ho cercato di curare al meglio anche il tratto, dando spessore in certi punti per "aiutare" la tridimensionalità.
Il tutto è stato molto interessante e stimolante da creare, per me! : )

Proprio perchè l'idea era molto semplice, sono stata sorpresa nel vedere che Alessandra aveva scelto il mio disegno,concedendogli un posto nella sua prossima pubblicazione
il primo volume del suo fumetto!
(Come ho già scritto sulla sua pagina, il cuore mi ha saltato qualche battito leggendo la notizia!)
Mi sento di ringraziare ancora Alessandra per la sua disponibilità e per l'opportunità che mi ha dato, di avere un posticino nel suo fumetto.
Sono ancora tanto contenta se ci ripenso!

Ancora tanti auguri per il futuro a questa giovane autrice(Oh mamma, ma come parlo antico!), e complimenti anche a tutti i partecipanti, eravamo davvero tanti!

Gli altri sketch di cui vi parlavo all'inizio invece sono questi:

Li ho fatti su una piccola Moleskine, di cui mi sono già innamorata: è della misura giusta per degli scarabocchi fatti con le matite morbide, e adoro il giallo della carta.
Questi sono i primissimi sketch di Gengis Khan adulto.


In questa volevo rappresentarlo in un atteggiamento un pò più "buffo".
La zuppa era troppo piccante! : D
Mi piace che ricordi in qualche modo una tigre: proprio come Tanka,(Così si chiama, finalmente!) quella che lo accompagna da bambino. (Fatto puramente inventato da me)
Quindi cerco di dargli un aspetto felino, oltre che Mongolo.
 
Questo è l'ultimo che ho fatto, oggi:

Volevo esercitarmi un pò sulla muscolatura della schiena nell'uomo, visto che non avevo mai affrontato l'argomento.
Il risultato non mi piace, farò altre prove per esercitarmi ancora.
Quindi quale migliore occasione per disegnare Gengis? : )

Beh, questo è tutto!
Ci sentiamo presto!

Marta.

10.03.2013

"Mommy Loves You, little Temujin..."

Just wanted to draw a scene with little Gengis Khan and his mother.
I'm still searching and study for her face, 
I want something genuine and naturally beautiful.
It's a hard way.
Marta.

9.19.2013

100 like on INK.

My Facebook page, Ink., has reached 100 likes!
Yeah, I know some people may think it's a stupid thing celebrating this, but it means alot to me 'cause
 I started to publish my drawings about last february and it's a pleasure to see other people appreciate them(more than I do!).
You really are the best and this drawing is for you all who support me, even knowing I'm a booooring dude!
Thanks really really really really much.

Marta.

8.29.2013

Illustration: Gengis Khan and His Tiger

Some that I make time ago but I managed to finish only now.
This were the rough sketch.
And this is the final pencil.
I'm gonna colour it, but I can't assure you I'll be fast... : /

COPYRIGHT by Marta Zaccarini.
Don't steal or copy; 
if you want to use this drawing and others pictures from my blog or Facebook page
 you have to ASK MY PERMISSION FIRST.
(Email: martazaccarini@yahoo.it)
Otherwise there will be taken measures for the image theft.


See you soon!
Marta.

Pen Sketches




8.19.2013

LES CLARK - "Nine Old Men Post"

 -Walt Disney's Nine Old Men-

conosciamo

Les Clark


Piccola nota: Inizialmente avevo pensato di fare un unico post riguardo ai Nine Old Men. Ho cambiato idea perchè è giusto dedicare ad ognuno di loro il giusto spazio.
La scelta della lingua italiana serve a me per evitare di fare strafalcioni grammaticali in lingua inglese, ma soprattutto perchè ancora molti artisti e studenti d'arte italiani(Compresa me, prima di quest'anno) non sanno chi ci sia stato davvero dietro i lungometraggi Disney che hanno segnato il nostro immaginario.

Parliamo quindi di Les Clark.
Ma CHI è questo signore? E perchè l'ho messo in cima alla lista?
Perchè, fondamentalmente, Les fu davvero il primo importante animatore agli studios di Walt Disney.
Ma andiamo con ordine.

Un pò di biografia:

Les Clark nacque in Utah nel 1907.
Dopo il trasferimento della famiglia a Los Angeles, mentre aveva ottenuto un lavoretto estivo vicino agli animation studios, un giorno prese coraggio e decise di andare a chiedere a Walt Disney di lavorare con lui.
Il responso fu positivo: i disegni di Les furono apprezzati e iniziò a lavorare nel dipartimento "Ink and Paint" (Letteralmente: inchiostrazione e pittura).
Il suo primo vero lavoro da animatore fu per il corto "The Skeleton Dance", del 1929.
Divenne molto bravo a disegnare Mickey Mouse, iniziando con una scena in "Steamboat Willie".
Ha animato e diretto circa 20 film e più di 100 corti.
Dopo essere stato sequence director nella Bella Addormentata, Walt gli chiese di dirigere speciali televisivi e film educativi, inclusi "Donald in Mathmagic Land" e "Donald and the Wheel".
Si ritirò nel 1975; morì nel settembre 1979.

Un pò di disegni da ammirare:


Dicono di lui:
"Il suo stile era delicato e molto sensitivo, il suo lavoro era molto piacevole e ben fatto, ma non ricerca mai la complessità e la tecnica di disegno dei suoi colleghi come Milt Kahl, Marc Davis o l'intensità delle emozioni e della recitazione tipiche di Bill Tytla, Frank Thomas o Ollie Johnston.
In molti aspetti Les Clark assomiglia ad uno dei suoi personaggi principali: Mickey Mouse.
Questo perchè era umile, di basso profilo, aiutava di buon grado, e non aveva ego."

John Canemaker dice di lui:
"Quando il timido, cameriere part-time in una pasticceria, Leslie James Clark si diplomò dalle scuole superiori in un martedì, e si relazionò con il suo nuovo boss Walt Disney il lunedì successivo, gli fu detto che il lavoro poteva essere "provvisorio".
Al tempo in cui si ritirò nel 1975, Les Clark era un anziano animatore e direttore, e il più longevo dipendente della Walt Disney Productions.
Incontrai Clark nel luglio 1973, due anni prima che si ritirasse all'età di 68 anni, durante la mia primissima visita al Disney Studio.
Lo trovai riservato, quieto, e, si, timido.
Tuttavia mi diede così tante informazioni in quell'intervista, che le usai praticamente tutte dopo circa tre decenni, nel mio libro Walt Disney's Nine Old Men and the Art of Animation.
Questa era una delle cose eccezionali riguardo Les Clark.
La sua mite, reticente personalità celava al di sotto un tremendo talento come magistrale animatore dalle abilità eccezionali.
Entrò nel mondo dell'animazione durante un periodo cruciale, la -silent era-, un anno prima della nascita di Mickey Mouse, e partecipò ad eventi che non solo delinearono il futuro della Disney, ma anche l'arte di animare personaggi(Letteralmente: la Character animation). 
Un'altra cosa fantastica di Clark era la sua versatilità come animatore.
Ha "recitato" di tutto: dalla formosa gallina d'opera Clara Cluck, al gigantesco Paul Bunyan, e ai piccolissimi Grillo Parlante e Trilly su TV's Mickey Mouse Club.
Spesso, a Clark venivano assegnati compiti tecnicamente complessi, che accettava di buon umore e gestiva con serietà d'intenti e consumata abilità.
Un lavoro del genere fu Biancaneve che danzava con i nani, una sequenza con minuziosi cambi di prospettiva mentre i personaggi saltellano; un altro caso fu quello del combinare attori reali con animali animati nel gioioso numero musicale "Zip-A-Dee-Doo-Dah" da Song of the South.
Le animazioni di Clark portarono la necessaria "calcina" emotiva a scene chiave in molti film, incluso Pinocchio e Alice nel paese delle meraviglie."

Quello che io penso di lui:
Sin da bambina odio Topolino.
Però.
Però...quando comprai il dvd di Fantasia 2000(Fu incluso come "speciale", la prima volta che fece la sua comparsa fu in Fantasia.), frequentavo le medie, e ancora non sapevo chi fosse Les Clark.
Beh, e se lo avete visto saprete certamente che c'è quel famoso pezzo con Topolino apprendista stregone.
Ecco.
In quel corto ho apprezzato Topolino: aveva carattere, era divertente vederlo a che fare con la magia per la prima volta e mi piaceva il fatto che i vestiti gli andassero un pò grandi, rendendolo più goffo nel muoversi.
E parlando delle animazioni, è meravigliosamente sincronizzato con il ritmo della musica e estremamente fluido nei movimenti.
Si, so che vi sareste aspettati un commento più intelligente, ma, a parte gli scherzi e tornando un pò seri:
A mio parere molti danno per scontato Les Clark proprio perchè era così adattabile alle richieste che gli venivano fatte,agli stili da seguire; ma questo non fa altro che confermare il suo talento eccezionale nell'essere versatile e mai monotono e l'impegno che dimostrava in ogni compito affidatogli.

Le reference per questo post:
I flipbooks dedicati ai Nine Old Men, che potete trovare su Amazon cliccando su questo link.
L'articolo dedicatogli sul sito 50 Most Influential Disney Animators.
Sul sito Filmic Light.
Google Immagini.


Alla prossima! : )
Marta.

8.01.2013

She's a Crow. FINALLY!

Finally finished!
Not really proud of the final comeout, but I love Ecoline so much!
I must try to learn how to use it!

Here you can see the entire "creative process" in good resolution. Hope you enjoy!


First Sketch.



Lineart.
Color test.
Outcome.

Marta.

7.11.2013

She's a Crow.


Very fast sketch from Moonrise Kingdom, a movie I love.
Ok, I love all Wes Anderson's movies, but this in particular.
Hope to finish it, in the next days.

Whoof, the weather's so hot today!
Marta.

Fast drawing for "Nobu Happy Spooky's Contest!"


This was made for a contest by Nobu Happy Spooky, it's the second contest I attend this year, woohoo!
Anyway, this is Victor, as you already know.
It came a little bit different and "adult" unlike the usual, but, huh.
I still need to practice with copic markers, but I love 'em!

Marta.